Colibrì racconta “Giochi pazzi con pupazzi” – Compagnia Roggero

Sospesi tutti i corsi e chiuse tutte le scuole, i burattinai della Compagnia Roggero negli ultimi giorni si sono rimboccati le maniche per realizzare, da casa, dei video “Giochi pazzi con pupazzi”, dedicato a tutte le bambine e ai bambini e in particolare a tutte le scuole in cui hanno dovuto interrompere i laboratori teatrali in rispetto alle norme ministeriali.
Buona Visione

PAPÀ MI SCRIVI UN BIGLIETTO?

Oggi vogliamo proporvi due letture fatte dalle nostre maestre e un articolo di Alberto Pellai.

BUONA LETTURA!!!

 

Articolo di Alberto Pellai      https://www.facebook.com/607285592681142/posts/2857279137681765/?d=n

ESSERE PADRI AI TEMPI DEL CORONAVIRUS: scrivete una lettera a vostro figlio.

Non sta capitando a tutti. Ma a molti sì. Per la prima volta nella nostra vita, ci siamo fermati. E la salute della collettività è diventata più importante del nostro lavoro. Molti di noi sono a casa, con la propria famiglia.
Per la prima volta, per molti di noi si aprono tempi lunghi di permanenza, dove dobbiamo imparare a sostare. “So-stare con i miei figli?”: questa domanda, che sembra lapalissiana, in realtà non lo è. Perché molti di noi sanno stare con i figli, ma non sostare. Li portiamo a fare sport, li accompagniamo di qua e di là, siamo abili a spingerli nel “fuori”. In effetti, il ruolo del padre è spesso quello di facilitare l’uscita dalla porta di casa del proprio figlio. Adesso invece bisogna tenerli in casa, i nostri figli. Bisogna aiutarli a trovare dentro di sé la pazienza e la capacità di tollerare la frustrazione. I nostri padri e nonni ci avrebbero semplicemente detto che “devi obbedire. E non fare storie, perché altrimenti poi per te sono guai”. Poi, dopo averci detto così, sarebbero probabilmente andati nella loro stanza, oppure sulla poltrona a leggere il giornale oppure a guardare la TIVU. Noi con i nostri figli, invece, ci siamo coinvolti e resi disponibili. E quindi adesso dobbiamo portare queste due caratteristiche nella relazione con loro, vivendo a contatto e reclusi in casa, 24 ore su 24. Ciò che potrebbe sembrare una grande fatica (e in parte lo è, oggettivamente, non solo per noi papà, ma anche per le mamme) potrebbe rivelarsi anche come un’enorme opportunità.
“Adesso non posso”, “Scusa ma devo scappare”, “Perdonami, ma ora non ho tempo”: quante volte abbiamo detto ai nostri figli queste frasi, spinti dai mille impegni che spesso si sono rivelati anche ottimi alibi, per non stare con loro? Ecco, in questi giorni queste frasi hanno perso senso. Perché, in molti ora abbiamo un tempo dilatato, pieno di possibilità, con spazi che ci sembravano impensabili fino a pochi giorni fa. Tra l’altro, tra breve sarà anche la nostra festa: la festa del papà cada il 19 marzo e sarà all’interno di questo tempo sospeso, causato dall’emergenza coronavirus.
Ecco un’idea che voglio darvi per metterci in gioco in questi giorni. Vi invito a scrivere una lettera a vostro figlio, da consegnargli il giorno della festa del papà, quando solitamente sono i bambini a darci una letterina per raccontarci il loro affetto. Provate a pensare a tutte le parole che per fretta o per non abitudine non avete mai detto a vostro figlio. Parole belle, parole che danno senso alla relazione con lui. Bene, ora che abbiamo tempo, proviamo a scriverle quelle parole. Fatelo soprattutto se non ve le siete mai sentite dire dal vostro papà. Molti di noi sono stati figli di padri molto abili a usare parole dure per tirare fuori il meglio di noi, quando non eravamo all’altezza delle aspettative. Ma spesso, quei padri così capaci di parole severe, non hanno saputo dire invece parole buone, frasi apprezzanti, quando invece sarebbero state così belle e utili per farci sentire “figli adeguati”. Spesso abbiamo rincorso tutta la vita quelle parole che nostro padre non è mai stato capace di dirci. Proprio perché non ce le hanno dette, ne sentiamo un bisogno profondo. Ma spesso non sappiamo quali sono. Per cui, vi lancio un invito. Provate a scrivere una lettera a vostro figlio. Raccontategli tutto il bello che ha messo nella vostra vita. Poi postatemele attraverso un messaggio su facebook o inviatemele via mail.
Il giorno della festa del papà, le quattro lettere più belle riceveranno un dono. Un dono speciale, pieno di parole sulla paternità.
E voi mamme, provate a coinvolgere i padri che avete a fianco e quelli di vostra conoscenza in questa sfida. Trasformiamo questo tempo di vuoto, in un tempo pieno.

 

 

 

 

 

 

TUTTI ALL’OPERA PER I NOSTRI PAPÀ !

IL VASETTO DELLE COCCOLE

Cosa serve:

  • Fogli colorati
  • Penna
  • Un contenitore di vetro

    Crearlo è davvero facile. I bambini possono colorare con pastelli, acquerelli, pastelli a cera le frasi che andranno poi ritagliate seguendo i bordi. (Scarica qui le frasi)
    Arrotolare i foglietti, schiacciandoli un po’ così che mantengono la forma e metterli nel vasetto dove possiamo incollare un’etichetta con la scritta “Per il mio Papà”.
    E’ possibile naturalmente abbellire il vasetto con decoupage, adesivi o scritte o, se preferite, utilizzare come contenitore un cestino o un sacchetto di stoffa.
    I foglietti poi possono essere colorati o scritti direttamente dal bambino personalizzandoli.
    Il papà avrà il compito ogni giorno di estrarne a sorte uno, leggendo il vostro pensiero!
    Buon divertimento!fstaPapà

Vita Pratica: Pulire le Fragole con la Cannuccia

Oggi vogliamo svelarvi un segreto…..come pulire le fragole con la…. cannuccia

pulirelefragole1

I bambini adorano aiutare in casa, e in questa stagione possiamo proporre loro un’attività utile e divertente utilizzando uno dei loro frutti preferiti in assoluto: le fragole!

Occorrente

Prepara un vassoio con due recipienti, un piattino e una cannuccia. Uno dei recipienti sarà riempito di fragole già lavate. Nel secondo il bambino deporrà quelle ripulite, mentre nel piattino metterà gli scarti.

pulirelefragole2

Procedimento

Siedi accanto al bambino e mostragli come pulire le fragole con la cannuccia, che andrai ad infilare nella punta della fragola per farla fuoriuscire dal lato superiore. Poi, tirando dolcemente sulle foglioline, estrai la parte centrale della fragola dalla cannuccia.

pulirelefragole3

Sfila la fragola dalla cannuccia e mettila nel secondo contenitore, poi invita il bambino a fare altrettanto.

Al termine dell’attività mostra al bambino come buttare via gli scarti e lavare il piatto e il primo recipiente.

Il lavare le fragole il dividerle in porzioni per poi servirle potranno costituire un’attività a parte. Quando il bambino padroneggerà tutte e tre le fasi potrà svolgerle l’una dietro l’altra in piena autonomia.

pulirelefragole4

Se non ti piace pulire le fragole, hai appena trovato un piccolo aiutante che svolgerà più che volentieri questo compito al tuo posto!

abbiamo preso spunto dall’articolo http://www.lacasanellaprateria.com/montessori-vita-pratica-preparare-le-fragole/

 

strappare

Cosa facciamo oggi?

Se avete a casa carta da giornale o riviste vecchie, un’idea divertente potrebbe essere strappare le pagine in mille pezzi e usare la carta per fare un collage creando magari una casetta, una macchinina o anche un quadro astratto.

Fate una foto del vostro lavoretto e conservatela per quando ci rivedremo.

Buon divertimento!!!

 

Le vostre maestre

biscotti

SBRICIOLARE BISCOTTI E…

FARE UN BUON SALAME DI CIOCCOLATO!

250 gr biscotti secchi

100 gr burro

100 gr zucchero a velo

50 gr cacao amaro in polvere

100 gr cioccolato fondente

 

Sciogliere il cioccolato fondente, unire tutti gli altri ingredienti e impastare.

Modellare il composto su carta forno  in modo da creare un cilindro e mettere in frigo per 2/3 ore.

Servire tagliato a fette .

Buona merenda!